Superiorità numerica variabile

Superiorità numerica: mantenere il possesso della palla

Una ripubblicazione di un articolo prodotto nel Novembre 2014 rivolto alla gestione del possesso del pallone in situazioni di superiorità numerica.

Nella video proposta i Giovanissimi 2000 di Albese Calcio cercano di mantenere il controllo del pallone, muovendosi in zone diverse dello spazio di gioco in cui si verificano differenti situazioni di superiorità numerica.
La filosofia che soggiace a questa esercitazione è: “mantengo il possesso della palla spostandola in zone meno dense di avversari”.

Superiorità numerica, densità e spazio di gioco

superiorità numerica nel settore giovanile

La percezione della superiorità numerica è un aspetto cognitivo-percettivo fondamentale nel calcio. Pur giocando una partita in condizione di equilibrio e di parità numerica, ciò che si verifica in campo è sensibilmente diverso.
Mutuando le parole del Settore Giovanile del Barcellona, la superiorità numerica si verifica continuamente nel corso di una gara.

Il 2vs1 rappresenta la situazione di superiorità numerica che più frequentemente si palesa nel corso del gioco: riconoscerla garantisce maggiori possibilità di successo, in quanto essa si verifica più di 900 volte per incontro sportivo.

La frammentazione è, secondo la filosofia della “cantera blaugrana”, quel “pezzetto di partita” riproducibile in allenamento che mantiene inalterate le caratteristiche peculiari di quel momento di gioco. Il 2vs1 (3vs1-3vs2) rappresenta una frammentazione del gioco indicante la situazione di superiorità numerica più diffusa, più frequente e basilare.

La disparità numerica può essere utilizzata per due strategie principali: si può risolvere una situazione di 2vs1 ( o di altra entità) per mantenere il possesso del pallone oppure sfruttarla per guadagnare spazio di gioco.
Nel primo caso, un’elevata dimestichezza con l’utilizzo della dimensione “ampiezza” del campo garantirà maggiori probabilità di successo, mentre nel secondo caso, una corretta percezione della “profondità” permetterà ai giocatori in possesso di effettuare le scelte più funzionali all’obiettivo.

Superiorità numerica: lo spazio che cambia

Mental Football propone una situazione di “superiorità numerica variabile e multipla“, finalizzata al mantenimento del possesso del pallone.

Lo spazio viene diviso in più aree di diverse dimensioni, in cui all’interno si verifica una situazione più o meno vincolata di superiorità numerica (3vs1 – 3vs2). Questa esercitazione, oltre a stimolare la percezione e la risoluzione di situazioni di disparità numerica, sollecita la rappresentazione mentale dello spazio e la visione periferica.

Attraverso la visione periferica, ciascun partecipante riesce a captare lo spazio vuoto in cui effettuare lo smarcamento o direzionare controlli e giocate. La rappresentazione mentale interna favorisce la collaborazione tra compagni. In sinergia essi creano figure geometriche, che agevolano il mantenimento del possesso.

Dopo aver visto il video sottostante, guarda qui e troverai altri consigli utili per migliorare il possesso palla della tua squadra.

Luca Filograno

Referente Provinciale della Figc per le attività di base, docente di Metodologia per i corsi Grassroots Level E. Allenatore UEFA B. Laureato in Scienze e Tecniche Neuropsicologiche. Trainer individuale, formatore e - soprattutto - grande appassionato di calcio giovanile.

One thought to “Superiorità numerica: mantenere il possesso della palla”

  1. Figure geometriche , figure di numeri ,sono esercizi di facile apprendimento per tutti. Dai più piccoli e perchè nò anche per i più grandi.
    Il classico grido dell’allenatore in partita:” Triangolaaaaa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *