riscaldamento nel calcio

Riscaldamento nel calcio: lo sfrutti davvero al meglio?

In questo terzo articolo riguardante l’inserimento di proposte coordinative all’interno del riscaldamento nel calcio viene presentato un esercizio estremamente coinvolgente, la cui intensità, in relazione ad un numero non troppo elevato di giocatori, è piuttosto elevata.

Poiché l’esercizio richiede cambi di direzione e tratti di corsa ad elevata velocità, è consigliabile proporlo a ragazzi dai 14 anni avendo prima preparato l’organismo in maniera più graduale; oppure a gruppi di età inferiore senza troppe preoccupazioni.

Il materiale necessario per questo riscaldamento nel calcio, ogni 8/10 ragazzi, è una speed ladder, 2 palloni e 3 cinesini o coni.

Riscaldamento nel calcio: proposta n°3

L’esercizio mostrato nel video si suddivide di tre fasi: la componente coordinativa, quella fisica e quella tecnica.

La prima è rappresentata dall’uso della speed ladder: viene richiesto ai nostri calciatori l’uso tradizionale della “scaletta”, quindi in verticale. Sta all’allenatore decidere quale tipo di appoggi richiedere alla propria squadra.

Nel video sono rappresentati due appoggi per quadrato della speed ladder.

La componente fisica è composta da un cambio di direzione e di velocità per uno spazio brevissimo.

All’uscita della speed ladder, infatti, i nostri atleti devono raggiungere il cono che hanno di fronte, cambiare direzione in relazione a quella che era la propria fila di partenza e “scattare” fino al cono successivo.

Il termine “scattare” non è propriamente corretto poiché in uno spazio così ridotto è impossibile raggiungere la massima velocità.

Infine la componente tecnica è rappresentata dal passaggio del giocatore che deve entrare in “scaletta” e dalla trasmissione di prima del giocatore che ha svolto l’esercizio.

L’esercizio si svolge nel seguente modo: due file di giocatori alla base della speed ladder, il pallone al secondo giocatore di ogni fila. I primi svolgono l’esercizio facendo prima la “scaletta”, poi il cambio di direzione dalla parte corrispondente alla propria fila. Raggiungono il secondo cono e ricevono palla dal secondo giocatore della fila, quest’ultimo andrà a svolgere l’esercizio mentre colui che riceve restituisce di prima al terzo.

Insomma più difficile a dirsi che a farsi…

Per vedere gli articoli precedenti con altri esercizi di riscaldamento nel calcio clicca qui:

Proposta n° 1: coordinazione nel calcio

Proposta n° 2: speed ladder 

 

Jacopo Masi

Sono il più giovane collaboratore di Mental Football, laureato in Scienze Motorie (SUISM), allenatore UEFA C e responsabile provinciale dell'attività scolastica per la FIGC.

One thought to “Riscaldamento nel calcio: lo sfrutti davvero al meglio?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *