Traiettorie di Gioco

Traiettorie: test attitudinali per Scuole Calcio

 

Traiettorie di Gioco
Traiettorie di Gioco

Il calcio è uno sport caratterizzato da un confronto dinamico di due squadre che si contendono l’occupazione funzionale del medesimo spazio di gioco, nel tentativo di segnare una rete.

Il pallone è il mezzo: uno strumento mobile nello spazio.

Lo spazio è caratterizzato da tre dimensioni: ampiezza, profondità e altezza; la palla, muovendosi in esso più o meno liberamente, disegna delle traiettorie di gioco.

Lo studio e l’interpretazione di tali traiettorie diviene fondamentale per gli individui coinvolti nel gioco.

Saper come “fermare” (ricevere) un pallone lanciato da 40 metri è, naturalmente, molto importante.

Anticipare e prevedere il punto di caduta della palla, grazie a una corretta analisi delle sue diverse traiettorie, è altrettanto importante: o forse di più.

Cosa serve una tecnica sopraffina se non supportata da un vero e proprio “computer di bordo” che permetta al calciatore di capire “dove e quando” trovarsi per poter eseguire “la magia”?

Così come nel football, il calciatore che lancia il pallone (o che sta per riceverlo) ha la necessità di calcolare le varie velocità (quella di corsa del ricevente, quella del pallone) e le diverse traiettorie (la traiettoria di corsa del ricevente, quella del pallone) e di combinarle tra loro per ottenere una previsione.

Previsione che sarà formata da coordinate spaziali (x;y;z): il pallone occuperà quel preciso punto, in quel preciso momento.

Una sorta di “sliding doors”: se la lettura delle diverse traiettorie e caratteristiche degli elementi in gioco sarà corretta, la tecnica sport-specifica potrà esprimersi in tutta la sua magia e spettacolarità; se il “computer di bordo” restituisce un’analisi imprecisa, gli sforzi dell’atleta si riveleranno vani.

“Il margine di errore è ridottissimo. Mezzo passo fatto in anticipo o in ritardo e voi non ce la fate. Mezzo secondo troppo veloci o troppo lenti e mancate la presa” [Fonte: “Any Given Sunday“]

La capacità di far coincidere le diverse traiettorie è un problema, di non semplice soluzione, che implica la capacità di lettura della traiettoria della palla da parte del ricevente, l’adeguamento spazio-temporale del ricevente, il calcolo della forza, della parabola, della direzione da parte di chi effettua il passaggio.

La forza di gravità determina una decelerazione della palla nelle fasi ascendenti delle traiettorie e una fase di accelerazione nella fase discendente delle traiettorie.

Esistono differenti tipologie di traiettorie: verticali, orizzontali e paraboliche.

I diversi tipi di traiettorie sono determinati dalla velocità iniziale della palla e dall’angolo di “uscita” della stessa. Una volta in volo, le traiettorie della palla non possono essere modificate se non dall’intervento di agenti esterni.

Mental Football ha elaborato “test attitudinali cognitivo/percettivi“, specifici per le Scuole Calcio, che permettono una valutazione delle abilità individuali non più subordinata al livello tecnico raggiunto, così come suggerito dai Settori Giovanili dei club europei più prestigiosi. [Fonte: Cantera Blaugrana]


Di seguito una proposta per valutare l’efficacia dello studio e della produzione di Traiettorie per Scuola Calcio e Settore Giovanile.

Questa proposta è parte di una “batteria di test attitudinali” per facilitare il compito di selezione e di ripartizione dei tesserati in gruppi-squadra coerenti.

Se ti interessa essere informato su altri Test Attitudinali per Scuola Calcio e Settore Giovanile scrivici a

calciomentale@gmail.com!

Test Attitudinale - Produzione Traiettorie
Test Attitudinale – Produzione Traiettorie

Test Attitudinale Traiettorie -Scheda Tecnica
Test Attitudinale Traiettorie -Scheda Tecnica
Test Attitudinale Traiettorie - Parametri
Test Attitudinale Traiettorie – Parametri

Luca Filograno

Referente Provinciale della Figc per le attività di base, docente di Metodologia per i corsi Grassroots Level E. Allenatore UEFA B. Laureato in Scienze e Tecniche Neuropsicologiche. Trainer individuale, formatore e - soprattutto - grande appassionato di calcio giovanile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *